Il Castello

Borgo e Castello di Caccamo

L’ombra del Castello sul paese
sembra una mano minacciosa!
La torre domina, dalla roccia,
buoi e pecore sopra la vigna.

Cubi di pietra pieni di merli
acuti archi di stile gotico,
vecchie lapidi, vaghe bifore,
sacri simboli sono di morte.

Dalle torri cento occhi spiano i paesani!
Spettri silenti … vanno per tetre stanze,
… con rimpianto;                                                                                                                         dame folli danno strani ordini.

Col vento di sera l’ansia corre
sulle vie strette, sulle piazze
dove gela fontane, case e occhi,
ma tace ogni bocca nel terrrore.

Invano alza le braccia Cristo
sulle croce e vola una colomba
oltre le rosse foglie d’inverno:
l’eco dello sparo qui suona.

Passa per la strada il funerale
i cupi rintocchi nel cielo spande
la campana della chiesa madre,
e sale una prece con l’incenso.

L’ombra del signore è sul paese …

Giuseppe Martorino