Caccamo … “Mestieri in via di estinzione”

CACCAMO… “Mestieri in Via di Estinzione”

Caccamo Borgo Medievale

Si ritiene che generalmente piccoli centri, come Caccamo, offrano poche occasioni per acquisti, ma sicuramente possiamo imbatterci in prodotti particolari, rari ed insoliti.

Il settore artigianale, in particolare quello tradizionale, resta indissolubilmente collegato all’economia agricola in quanto gli antichi mestieri svolgevano una funzione di supporto alle attività di campagna.

Esclusivamente per il carattere di originalità, più che per rilevanza economica, sono da segnalare le fiscelle – “Fasceddi“ – contenitori in giunco confezionati a mano per la conservazione di formaggi e ricotta, ma anche le ceste ed i panieri tradizionali – “Carteddi, Ghistre e Panàri“ – pazientemente lavorati con canne e verghe di salice od oleastro. Ancora oggi non è difficile rintracciare qualche “Cestaio” intento ad elaborare qualche manufatto.  

CACCAMO Arte e Mestieri : Cestaio

CACCAMO – Arte e Mestieri : CESTAIO

Sono ormai scomparsi gli ultimi sellài – chiamati “Vardiddàra“ – esperti nella costruzione di selle, bardature ed accessori – “Vardèddi, Siddùna, Visàzzi e Vèrtuli“ – in pratica l’attività artigianale in questo settore si è esaurita per la drastica riduzione della domanda di mercato.

La tradizione popolare ci tramanda non solo episodi avvenuti durante un assedio al Castello Feudale più grande di Sicilia, ma contemporaneamente la predisposizione innata nelle donne caccamesi le quali accudivano artigianalmente a manufatti che trovavano impiego anche nelle esigenze dei guerrieri addetti alla salvaguardia del maniero : ci riferiamo alle originali “Bisacce di cuoio e lana“ che per tanto tempo, assieme ai “Tappeti di lana“ lavorati negli antichi telai, sono stati fiore all’occhiello dell’artigianato locale fino agli anni ’60 – ’70 .

E’ venuto meno anche quell’artigianato artistico della pietra lavorata, che tante testimonianze ha lasciato nel contesto urbano, mentre rimane qualche raro artista nel settore del legno scolpito e del ferro battuto.

Caccamo Antichi Mestieri : Ebanista

CACCAMO – Arte e Mestieri : EBANISTA

La tradizionale lavorazione del legno, del ferro e dell’argilla ha lasciato segni di rilievo in tutto il paesaggio urbano : si pensi ai “Portoni“ preziosamente decorati e che ancora ornano le strade del centro e della zona duecentesca, ai fastosi “Balconi“ ed alla ricchezza dei “Vasi di Terracotta“ sui davanzali.

Molte delle antiche botteghe artigiane si sono trasformate : fra le aziende di lavorazione del legno, molte sono importanti mobilifici, poche invece sono rimaste le falegnamerie ; lo stesso dicasi delle botteghe del ferro, alcune delle quali oggi lavorano ferro battuto ed alluminio anodizzato.

Un’attività ancora diffusa a livello casalingo – ma di fattura davvero pregevole – è rappresentata dal “Tombolo“ dal “Filet“ dal “Chiacchierino“ e dagli “Uncinetti“ sono i magici prodotti che nascono dalle sapienti abilità di molte donne che ancora credono alle cose belle che devono durare tutta una vita.

Caccamo Antichi Mestieri : Ricamo

CACCAMO – Arte e Mestieri : RICAMATRICE

Nell’arte del ricamo, Caccamo vanta una lunga tradizione. Tutto merito soprattutto del Collegio di Maria, come educandato femminile, dove l’arte del ricamo venne insegnata e sopravvisse in tutta l’arcaica purezza di forme e di disegni tradizionali.

Ancora oggi resiste qualche rari esempio di consuetudine femminile di dedicare, parte del tempo libero, a questa attività nelle varie sue specialità.

Dei laboratori di terracotta “Antichi Stazzùni“ rimangono poche tracce.

Esiste ancora in buono stato di conservazione – anche se dimenticata – un’Antica Fornace che raggiungeva la temperatura di 940° C e che poteva cuocere fino a 15.000 mattoni per volta. Dal 1935 al 1976 ha fatto egregiamente il suo lavoro, tanto da fornire i “Cotti“ per il rifacimento della pavimentazione del Chiostro di Monreale.

Caccamo Antichi Mestieri : Vasaio

CACCAMO – Arte e Mestieri : VASAIO

Nella parte sottostante alla fornace c’è la camera di cottura e poi ancora vecchi torni e ceramiche irreperibili come “Giare, Cannàte, Càntari e Bummuli“ che nell’intero apparato potrebbero essere adibiti ad un vero e proprio museo.

A Caccamo tre veri gioielli dell’artigianato sono da ammirare, ancora oggi all’interno della settecentesca Chiesa di San Benedetto alla Badìa :

CACCAMO : Chiesa SS. Annunziata e San Benedetto alla Badia

CACCAMO Piazza Marconi

1) “L’Unicum Artigianale Siciliano“ rappresentato da circa 5.000 mattonelle maiolicate –

CACCAMO Antichi Mestieri - Maiolica ed Ebanisteria

CACCAMO Arte e Mestieri : San Benedetto alla Badia – Pavimento Maiolicato ed Altare in Legno

2) La grandiosa e spettacolare “Cancellata in Ferro Battuto a forma di Ventaglio“ –

CACCAMO Antichi Mestieri - San Benedetto alla Badia

CACCAMO – Arte e Mestieri : San Benedetto alla Badia – Cancellata in ferro battuto

3) Il grande “Altare” in legno intagliato ricco di fregi e di volute con alla base 2 angeli candelieri

Per leggere tutto l’articolo richiedere il File del Libro o il Manuale…”Caccamo è tutta un Castello”

Caccamo english language

Caccamo English

CACCAMO …

“Crafts in the process of Extinction