Caccabe

borgo di caccamo by nightDormono le sue mura
in cascata di secoli
i suoi merli sono rigide mani

Dalle sue torri, un giorno,
gridò alto il mio cuore

o mia terra
o mie genti

o miei padri sperduti

di là dal mare
di là dalle colline,
solo la solitudine vi resta
in un eco lontana
di leggenda…

C’è un antico castello
al mio paese…

E il nostro volo
d’uccelli muti,
sempre più si disperde
in anni d’inesauribile tristezza
di là dal mare,
di là dalle colline.

Giovanni Libreri